default_mobilelogo
Programma coalizione
Immagine
Partito
Immagine
sostieni pd porcia
2xmille
l unità banner
Solidarietà
regeni banner new
I Social
Facebook di PdPorcia
Facebook del Gruppo Consigliare PdPorcia
Immagine e link del popup
popup
 
Villa Correr Dolfin deve, ma soprattutto può, diventare un punto di convergenza per iniziative culturali, di promozione territoriale, imprenditoriale e per la vita di Porcia di ogni giorno.
Per questo abbiamo ritenuto fondamentale acquisire, grazie alla loro sensibilità, la loro memoria e alle loro idee il contributo dei cittadini, che vi hanno partecipato con molto interesse. Questo progetto è un esempio di quello che può essere pensato grazie alla partecipazione di tutti, ma rappresenta anche un importantissimo strumento di programmazione per i prossimi anni.
Dopo dieci anni in cui l’amministrazione ha scelto di non investire sul grande parco di Villa Correr, ora il nostro impegno sarà ricercare ogni forma di finanziamento possibile per realizzare nei diversi lotti questo progetto, che trasforma la città e mette il verde al centro di una prospettiva di sviluppo urbano, sociale e culturale.
Oltre a presentare il progetto la serata del 15 sarà anche il momento per cominciare a discutere insieme ai cittadini sulla priorità da dare ai diversi lotti, da quale parte di parco cominciare, cioè, a mettere mano e cercare i finanziamenti.

L’INIZIATIVA
L’iniziativa nasce da un’idea della consigliera delegata a Villa Correr Dolfin, Tiziana Aramonte, che ha fortemente voluto promuovere il progetto, coinvolgendo alcuni professionisti del settore altamente qualificati, sottolineando l’importanza di questo sito per l’intera comunità.
La progettazione preliminare per il nuovo parco di Villa Correr si è conclusa: si tratta di un progetto nato dalla partecipazione della cittadinanza, grazie alle loro idee e ai loro ricordi, da oggi consultabile online sul blog parcocorrerdolfin.wordpress.com.
L’impegno è stato mantenuto e le proposte dei cittadini accolte. I progettisti sono riusciti in una grande impresa, quella di far collimare i desideri e le richieste anche molto diverse che sono state avanzate in un disegno organico, puntuale e assolutamente armonioso.
E ogni idea è stata raccolta nel blog che è diventato strumento e memoria di quanto emerso agli incontri. Ora il lavoro di tutti è diventato un documento che è possibile consultare e su cui fare ulteriori osservazioni. Rimarrà online due settimane, prima della presentazione alla cittadinanza il 15 febbraio, alle ore 20.30 presso l’Auditorium Diemoz di via delle Risorgive 3. La serata sarà dedicata alla presentazione del progetto, diviso nelle sue macroaree, le stesse su cui si è scelto di lavorare durante gli incontri; vedremo dunque che sono stati recuperati alcuni caratteristiche peculiari del giardino storico, ma allo stesso tempo introdotte molti aspetti innovativi.
Come si è svolto il percorso partecipato
Nei mesi in cui si è svolto il percorso di co-progettazione per la riqualificazione del Parco di Villa Correr Dolfin a Porcia “Quale futuro per il parco di Villa Correr Dolfin?” tutto è stato puntualmente appuntato nel blog dedicato al progetto. Un nutrito gruppo di persone, cittadini di Porcia, ha attivamente partecipato, contribuito, condiviso, con l’aiuto di architetti paesaggisti e storici dei giardini: Antonio ricorda quando i bambini potevano, in talune occasioni, accedere al parco della Villa e giocarvi. Fabio fa notare quanto sia grande il prato tra le mura di sassi, del brolo. Osserva che forse è più grande degli spazi in cui a Villa Manin si realizzano concerti importanti e sottolinea che la Villa sarebbe un luogo ideale per queste attività ed eventi. Daniele chiede se sia possibile, almeno in una porzione, far convivere con un’area in cui poter fare sperimentazioni agricole. Teresa chiede che tutti i vialetti siano più facilmente accessibili anche ai portatori di handicap.
Queste sono solo alcune delle molte idee portate dai cittadini di Porcia. Sul blog del progetto è possibile leggere tutti i contributi.

Il primo dei quattro laboratori dedicati alla progettazione condivisa del parco di Villa Correr si è svolto il....
Sotto la guida dei due progettisti Annalisa Marini e Moreno Baccichet si è svolto un primo momento di confronto sulla funzione della parte di parco che si affaccia su via Gabelli, con l'ausilio si rilievi e mappe.
E' emersa la proposta di restituire quest'area verde alla citta, com'era anticamente (lettura che trova il mio pieno appoggio), attraverso l'accesso diretto dalla strada. A maggioranza è stata votata la proposta di togliere la recinzione e sono state valutate diverse alternative proposte dagli stessi progettisti e che hanno entusiasmato i presenti
A seguire è stato fatto un tour del parco discutendo della qualità delle piante presenti.
Ad interessare maggiormente chi ha partecipato sono stati gli aspetti legati all'accessibilità e ai percorsi pedonali interni, a partire da quanto presente negli antichi disegni.
La parte terminale della mattinata è stata riservata alla progettazione vera e propria in cui, attorno a un tavolo i progettisti e i cittadini hanno provato a mettere per iscritto gli spunti raccolti durante le due ore precedenti in una bozza progettuale.
Quattro cartelloni dedicati a "cosa ti piace" , "cosa non ti piace", "che ricordi hai", e "come vedi il parco nel futuro", che ci accompagneranno per tutti gli incontri, erano a disposizione per raccogliere i post- it con i pensieri dei partecipanti.
 
SECONDO INCONTRO: IL CORTILE DEGLI ORTI
Il secondo incontro si è svolto sabato....per la seconda volta i progettisti hanno ragionato con i cittadini sulla riqualificazione di una specifica parte di parco.
la zona delle residenze rustiche è tutta da reinventare. rispetto alle altre tre zone che hanno una personalità definita, questa anche per la presenza degli annessi ha animato un ampio dibattito e un confronto proficuo. Dagli orti sociali alla casa delle associazioni, dal parco giochi alle start up agricole, sono tante le proposte e gli spunti emersi in questa mattinata.
Nuovamente si è posto il tema del collegamento con la realtà circostante e con la città e in un sopralluogo sotto la pioggia abbiamo scoperto gli antichi ingressi, che sarà una priorità riqualificare e mettere al centro di un'idea di parco accessibile e strategico per gli spostamenti a piedi
 
Molto buona la partecipazione al terzo incontro di sabato......Più di trenta persone si sono incontrati sotto il portico della barchessa est. la mattinata dedicata al giardino formale è stata introdotta dal contributo di Francesca Venuto, storica di giardini, che ha spiegato quale fosse lo stile dei giardini di questo tipo e quali sono le direttive per il suo restauro, ma poi come di consueto e carte alla mano il gruppo di lavoro fatto da cittadini e professionisti è entrato nel merito delle possibili soluzioni. molte proposte, insieme ai ricordi dei più anziani hanno favorito un confronto informale e sempre stimolante.
La tradizionale passeggiata "sul campo" è poi partita dal prato stabile esterno al muro, di cui è stata spiegata la valenza naturalistica di cui molti non erano a conoscenza, e poi nel retro della villa stessa, lungo il viale di tigli per parlare delle possibili funzioni di quest'area e della valorizzazione dell'arco esistente.
 
QUARTO INCONTRO: IL BROLO
Nonostante il cattivo tempo molti cittadini hanno partecipato all’ultima seduta del laboratorio di Villa Correr per dire la propria anche a proposito del grande brolo settecentesco sabato ..... Dopo le 12,00 si è fermata la pioggia e ed è stato possibile fare un breve sopralluogo negli spazi del recinto per verificare alcune proposte e/o resistenze. La maggioranza si dice concorde sulla possibilità di demolizione della ex stalla con ricostruzione (sia per motivi economici ma anche per motivi di impiantistica). Viene anche vista con parere positivo la possibilità che vi sia ampia superficie vetrata che consentirebbe di spaziare con lo sguardo attraverso il brolo.
Vedi anche articolo sul Messaggero del 9 febbraio (a cura della redazione del Circolo Pd di Porcia)
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Condividi
Commenta